#6SenzaBarcode​ è con Martina Collu e il Gitano

Pyros, il fuoco della cultura
Pyros, il fuoco della cultura
#6SenzaBarcode​ è con Martina Collu e il Gitano
/

Continua la rassegna letteraria #6SenzaBarcode​ con Martina Collu e il Gitano per Nulla Die edizioni.

Una donna che lotta contro se stessa in bilico tra l’accettazione e il desiderio. Avere paura di amarsi può essere più deleterio che non amarsi affatto.

Gibilterra è solo una lingua di terra in equilibrio sulle onde, i confini non sono valicabili e nemmeno lo si può desiderare. Fuori è pericolo, dentro è conforto. Morea Blanco è soltanto una bambina quando tutto avviene. Pedala forte sulla sua bici in discesa da Europa Road sino ai four corners, fino al confine, per raggiungere la cugina Salomè e i suoi amici sui motorini.

Ciò che accade dopo lei non lo ricorda. La faccia insanguinata del gitano non l’ha mai vista. Ora ha più di quarant’anni, il passato affiora nelle sembianze dei complessi che sono sempre esistiti, ma c’è qualcuno in grado di allontanarla da quel suo corpo da gigante di cartapesta e farla sentire leggera. Le permette di dimenticare, elidendo le forme per concedersi all’etereo. Morea Blanco è adulta, ma il suo viso è sempre lo stesso. Lo riconosce subito Greta O’Dell, che non è altro che Greta Sciaccaluga, una sua vecchia compagna di scuola, candidata a Chief Minister di Gibilterra per i Socialdemocratici. Elezioni scontate, un futuro certo, se solo prima non ci fosse stato il passato.

Se solo non ci fosse stato il gitano a corrompere i ricordi.

È disponibile anche la versione video ► https://youtu.be/7c_v6mMy5Ak